sabato 21 aprile 2012

La pista ciclabile meno ciclabile al mondo!


Mobilità SostenibileCO2 e Global Warming Sempre più spesso si parla di piste ciclabili e di mobilità sostenibile e di quanto si potrebbe fare di più.
A volte le amministrazioni pubbliche non stanno a guardare e realizzano vari chilometri di piste ciclabili ben strutturate e interconnesse tra loro, in modo da rendere veramente fruibile per il ciclista il percorrere quella strada.

Beh, putroppo, non sono rare le segnalazioni di piste ciclabili pericolose o piste realizzate in maniera molto sbrigativa senza pensare seriamente a un progetto di una rete ciclabile integrata con quella stradale per le auto. Ne è un esempio questo tratto che ho visto tempo fa nei pressi di Santo Stefano Lodigiano, come potete vedere dalla foto. Nel titolo lo chiamata scherzosamente "La pista ciclabile meno ciclabile al mondo!"; il motivo si capisce subito: fin dall'inizio della strada è presente il cartello di inizio pista ciclopedonale (eccolo nell'immagine qui a fianco).
Peccato che pochi metri dopo ci troviamo di fronte a un altro cartello che ci indica la fine di tale pista. Pochi metri dopo la pista ricomincia, ma, di nuovo, viene interrotta alcuni metri dopo ancora a causa della presenza sulla destra di passi carrabili (cancelli di ingresso)
(per completezza sappiate anche che a terra è presente l'apposita segnaletica orizzontale)

Vi faccio notare, dalle foto che ho pubblicato, che questa situazione continua per diverse centinaia di metri.

E' discutibile, per me, anche la scelta di mettere i cartelli nel bel mezzo della pista ciclopedonale: la sicurezza di ciclisti e pedoni è messa a rischio indubbiamente. Insomma quante volte vi è capitato di trovare cartelli fissi in mezzo a una corsia di marcia per le automobili?

Forse non era più sensato che la pista fosse nell'altro lato della strada? (All'inizio e alla fine della via ci sono due rotonde quindi un lato vale l'altro, dato che devi fare immetter i ciclisti in rotonda)

Voi che ne pensate? Lasciate pure un commento

Ah dimenticavo: se volete vedere tutta la pista ciclabile(o no?) per tutta la sua lungheza percorrete via Giuseppe Verdi su Google Maps qui sotto:
Visualizzazione ingrandita della mappa

6 commenti:

Mauro ha detto...

non conosco il posto, però penso che se l'hanno costruita sul lato case sia per dar modo di usufruirne anche alle non poche persone che in quelle case ci abitano; lo stesso si potrebbe dire per chi entra o esce dall'abitato; in tutti i casi si evita di attraversare una strada pericolosa. Ci sono piste vocate ad amene passeggiate ed altre, quelle obbiettivamente più difficili, che hanno una prevalente funzione di proteggere il traffico ciclopedonale in loco.
In quanto alla segnaletica quella sì è veramente fastidiosa ed anche un po' assurda: come si può decretare ogni 20 m un inizio e poi una fine di pista ciclabile? Mi pare una presa in giro. Del resto è bene che le auto che sono su una strada di scorrimento possano entrare in strade laterali o in passi carrai senza troppe esitazioni. La soluzione più equilibrata?: secondo me è quella di mettere segnali di stop piccoli, abbastanza alti (per evitare il cotatto) centrali oppure laterali; anche il ciclista in zone di intersezioni e di passi carrai ha comunque il dovere di limitare la velocità...

Un Mondo Differente ha detto...

Ciao Mauro, grazie per le tue considerazioni.
Concordo con la prima parte del tuo commento. Non conosco nemmeno io nei dettagli la vicenda e le motivazioni per la scelta di quel lato piuttosto che l'altro della strada. Volevo solo fare notare questa stranezza e indurre a farci qualche riflessione :)

Per quanto riguarda la segnaletica mi viene da aggiungere: per quale motivo la parte di carreggiata riservata alle biciclette deve prevedere interruzioni e invece non può essere "fluida" nello scorrimento come quella riservata alle auto? Perchè non può funzionare come una strada a due corsie per senso di marcia?

Immagina che su quella strada la pista ciclabile sia un'altra corsia per auto: qualcuno avrebbe mai messo un cartello di stop o precedenza in mezzo alla corsia lato case in corrispondenza di ogni passo carrabile? No! o comunque non mi è mai capitato. Proprio per lo scorrimento che accennavi tu. Insomma in altri stati o in altri esempi l'integrazione tra piste ciclabili e corsie auto è fatta seriamente ed è efficace.

Insomma è apprezzabile che il comune in questione abbia pensato alla circolazione delle bicilette, ma bisogna progettarla facendo in modo che i ciclisti abbiano gli stessi vantaggi (o di più, perchè no) degli altri fruitori della strada, per incentivare l'uso delle bici.

Nel mio comune spesso le ciclabili sono messe lungo strade secondarie: i ciclisti sono cosi costretti, non solo a non poter fare la strada principale, ma a percorrere una percorso più lungo rispetto a quello della strada principale. Con questo si crea disagio e perdità di tempo al ciclista e di conseguenza non si da molto incentivo a percorrere quelle piste.

Cecilia ha detto...

Ce n'è una identica anche a Cremona, o nei pressi, ma non riesco a ricordare dove!! assurda comunque... :)
Cecilia

Un Mondo Differente ha detto...

Grazie Cecilia! Beh se ti viene in mente dov'è e vuoi farle una foto, faccelo sapere! :)

vic ha detto...

io so che la Basf (multinazionale americana di prodotti chimici che produce la vernice fosforescente usata per fare i cartelli) ha un funzionario all'interno del ministero dei trasporti italiano che "favorisce" la promulgazione di normative che obblighino il piu' possibile amministrazioni ed enti a disporre cartelli segnaletici. Per questo motivo sulle strade italiane ci sono il triplo dei cartelli rispoetto all'estero.

Ernesta ha detto...

Soncino, via Cremona (ex SS498) qui la ciclo pedonale non è interrotta più volte per accedere a delle case bensì a dei campi coltivati a mais. Quante volte in un anno i trattori accederanno a quei campi e quante volte invece quella pista sarà percorsa da semplici ciclisti e pedoni che fanno una passeggiata o si recano al supermercato o da operai che si recano nella zona industriale? https://www.google.it/maps/@45.393931,9.863594,3a,75y,194.79h,83.41t/data=!3m4!1e1!3m2!1s9hb1krToajSTDaRgF1SEKg!2e0!6m1!1e1?hl=it

Posta un commento